Tutto quello che devi sapere sul sonno

Tanti tipi di sonno

13 giugno 2022

“Sonno” è una parola che racchiude tanti significati. Ci mettiamo a letto, spegniamo la luce e via con una sessione, si spera ristoratrice, di riposo. Che, però, si divide in “fasi” specifiche, ognuna con caratteristiche proprie.

Tanti tipi di sonno

13 giugno 2022

TUTTO SUL SONNO

“Sonno” è una parola che racchiude tanti significati. Ci mettiamo a letto, spegniamo la luce e via con una sessione, si spera ristoratrice, di riposo. Che, però, si divide in “fasi” specifiche, ognuna con caratteristiche proprie.

Sfogliando il dizionario, al lemma “sonno” si legge “Stato e periodo di riposo fisico-psichico caratterizzato dalla sospensione totale o parziale della coscienza e della volontà”.

Si tratta di una definizione che, seppur corretta, non evidenzia come, quando riposiamo, il sonno non è sempre “uguale”.

Tanti tipi di sonno

Il sonno non è tutto uguale

Una volta poggiato il capo sul cuscino e spenta la luce, “prendere sonno” significa fare un viaggio meraviglioso e incredibilmente… attivo. Il risveglio mattutino, sereno e “soddisfatto” significa che “tutto” è filato liscio e siamo pronti per iniziare al meglio la giornata. Ma… “tutto” cosa?

Due tipi principali di sonno

Una prima grande suddivisione è quella che gli addetti ai lavori fanno tra due macromomenti: il sonno REM (acronimo di Rapid Eye Movement), o sonno attivo, e quello NREM, o sonno tranquillo. Ma non finisce qui. Quest’ultimo, a sua volta, è infatti diviso in tre stadi (addormentamento, sonno leggero, sonno profondo). Normalmente si passa attraverso i tre stadi di sonno NREM, spesso seguiti da un breve intervallo di sonno REM, ogni 90-100 minuti, diverse volte per notte. Durante la notte, le persone si svegliano anche brevemente ma non ne hanno consapevolezza.

Prima di tutto ci si addormenta

Si tratta della fase che, dalla veglia, gradualmente conduce l’organismo al sonno. Si caratterizza per l’abbassamento della temperatura corporea, il rilassamento parziale della muscolatura e il rallentamento del battito cardiaco. Anche l’attività cerebrale diminuisce lentamente.

Prima “leggero”…

Mentre la frequenza cardiaca continua a rallentare, la muscolatura è completamente distesa e il respiro è molto profondo. L’organismo è pronto per entrare nello stadio di sonno vero e proprio in cui i movimenti degli occhi sono quasi del tutto assenti.

…e poi “profondo”

Con la terza fase si entra nel sonno profondo. Nel caso in cui si venga svegliati in questo momento, si proverebbe una sensazione di disorientamento.  Progressivamente il movimento oculare si rallenta e la temperatura del corpo scende ulteriormente. 

Il sonno paradosso

La fase REM è definita anche stadio del sonno “paradosso”. Infatti, anche se ci si trova in una fase di riposo molto profondo, l’attività cerebrale si… risveglia. A rivelarlo sono gli occhi che iniziano a muoversi rapidamente. È uno stadio, dunque, particolarmente attivo, si presentano i sogni, accompagnati da un aumento del flusso sanguigno, della respirazione e dell’attività cerebrale. Di contro, invece, è presente una certa atonia muscolare che gli addetti ai lavori spiegano come risposta protettiva dell’organismo che impedisce eventuali movimenti imprevedibili generati dal sogno.

Ciclo continuo

Nel corso della notte, le fasi REM e NREM si alternano circa 4-5 volte, con una durata complessiva di un’ora e mezza. Si tratta dei cosiddetti “cicli del sonno”. È fondamentale che questa particolare struttura ” a fasi” venga rispettata per la qualità del riposo e per alzarsi, la mattina, rigenerati e di buon umore.

___
Lauretta Belardelli

Iscriviti alla Newsletter di Snoozing Magazine

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal nostro Magazine

Forme geometriche

Forme geometriche

È comunemente noto che alcuni colori riescono a trasmettere determinate emozioni e sensazioni: il blu trasmette calma, il giallo l’allegria, il rosso la forza, il viola la spiritualità e via dicendo. In psicologia, però, anche le forme rappresentano un mezzo di comunicazione che provoca stimoli diversi e dunque possono influire anche sul sonno.

Copy link
Powered by Social Snap