Tutto quello che devi sapere sul sonno

Stanchezza e sonno perenne in estate: perché succede e come intervenire

15 giugno 2022

Ci alziamo sempre di buon’ora e siamo svegli e reattivi per tutto il giorno, poi arriva l’estate… E improvvisamente le forze vengono meno e vorremmo schiacciare pisolini sempre e ovunque. A cosa è dovuto? C’è modo di evitarlo?

Stanchezza e sonno perenne in estate: perché succede e come intervenire

15 giugno 2022

TUTTO SUL SONNO

Ci alziamo sempre di buon’ora e siamo svegli e reattivi per tutto il giorno, poi arriva l’estate… E improvvisamente le forze vengono meno e vorremmo schiacciare pisolini sempre e ovunque. A cosa è dovuto? C’è modo di evitarlo?

Con il caldo il livello di energia si abbassa. Come le palpebre.

Nessuno se ne stupisce, ma qualcuno vorrebbe evitare il sonno perenne, anche solo per godersi appieno la vacanza e tornare a casa con la valigia piena di ricordi invece che di sogni. Quindi che fare? Assecondare le richieste del nostro corpo e dormire ad oltranza oppure opporsi alla stanchezza e soffrire per star svegli? Come sempre, la virtù sta nel mezzo… Il nostro corpo ci parla di continuo per comunicare le proprie esigenze. C’è chi lo ascolta troppo (gli ansiosi) e chi troppo poco (i distratti). Ma prestandogli la giusta attenzione si possono colmare eventuali gap tra il necessario e il superfluo.

Stanchezza e sonno perenne in estate: perché succede e come intervenire

Colpa della stagione

Che cosa succede al nostro corpo quando le temperature si alzano? Per mantenere la termoregolazione il corpo mette in atto una serie di strategie. Per consentire la dispersione del calore in eccesso suda di più. Inoltre i vasi sanguigni si dilatano e ciò comporta una riduzione della pressione arteriosa che può farci sentire fiacchi e demotivati. Qualcuno la stanchezza l’avverte anche nelle gambe, che sembrano dolenti e pesanti. Ma c’è un altro elemento che ci fa sballare. D’estate le ore di luce sono molte di più dell’inverno e questo, in termini di orario, determina un aumento dello stato di veglia. Se il ritmo circadiano viene snobbato anche la produzione di serotonina e melatonina, gli ormoni che regolano il sonno, viene alterata.

Il sonno difficile

Insomma, nella bella stagione si sta svegli tante ore e si sente di più la stanchezza. Il caldo poi causa un altro problema. Per assicurarsi sonni tranquilli si dovrebbe dormire al fresco. D’inverno basta abbassare il riscaldamento in camera da letto, ma d’estate è più difficile. Per addormentarsi il corpo deve abbassare la sua temperatura, con il caldo eccessivo questo processo avviene con più difficoltà. E poi magari durante la notte ci si sveglia più volte o si dorme un sonno agitato per i continui movimenti che il corpo fa per contrastare le sudate. Ciliegina sulla torta? Le zanzare

Questione di igiene

Quando si parla di igiene tutti pensano alla pulizia. Ma chi sa bene qual è il suo vero significato? L’igiene è un ramo della medicina che mira alla salvaguardia dello stato di salute e al miglioramento delle condizioni somatiche e psichiche. E lo fa mediante lo studio e il suggerimento di misure di protezione sanitaria. Esiste l’igiene del sonno? Certo che sì! Fatta di azioni e comportamenti quotidiani, tutti da imparare, che migliorano il dormire, garantendo al corpo i benefici che vengono dalla sua pratica corretta. 

In pratica

Quindi, cosa fare per riposare bene nonostante il caldo? Cinque must da tenere sempre a mente:

1) Mangiare cibi nutrienti ma leggeri e digeribili ricchi di liquidi, sali minerali e vitamine come frutta e verdura, cereali, pesce, legumi, uova.

2) Bere tanta acqua e liquidi freschi (non freddi) come succhi e centrifughe di frutta e verdura e tisane più volte al giorno.

3) Moderate l’assunzione di sostanze eccitanti come cioccolato, caffè, tè e bevande energetiche

4) Evitare l’alcool.

5) Rinfrescare la camera prima di andare a letto e fare in modo che rimanga areata tutta la notte. Aggiungiamo un altro punto: se sudate in maniera eccessiva chiedete al medico se ritiene opportuna l’integrazione di sali minerali (potassio e magnesio), vitamine del gruppo B o altre sostanze che supportano l’apparato muscolare (creatina, carnitina, coenzima Q10) e contrastano lo stress, anche naturali, come l’ashwagandha e la rodiola.

___
Caterina Somma

Iscriviti alla Newsletter di Snoozing Magazine

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal nostro Magazine

Forme geometriche

Forme geometriche

È comunemente noto che alcuni colori riescono a trasmettere determinate emozioni e sensazioni: il blu trasmette calma, il giallo l’allegria, il rosso la forza, il viola la spiritualità e via dicendo. In psicologia, però, anche le forme rappresentano un mezzo di comunicazione che provoca stimoli diversi e dunque possono influire anche sul sonno.

Copy link
Powered by Social Snap