Tutto quello che devi sapere sul sonno

Quante calorie bruciamo mentre riposiamo?

9 giugno 2022

Sonno e forma fisica sono in stretta relazione. Perché, quando ci addormentiamo, bruciamo calorie!

Quante calorie bruciamo mentre riposiamo?

9 giugno 2022

TUTTO SUL SONNO

Sonno e forma fisica sono in stretta relazione. Perché, quando ci addormentiamo, bruciamo calorie!

Poter contare, quotidianamente, su un riposo salubre e di qualità significa non solo aiutare il corpo a ristorarsi ma anche a garantirgli un certo dispendio energetico.

Secondo i calcoli degli addetti ai lavori, infatti, dormendo, si consumano 0,42 kcal/ora per ogni 500 grammi di peso. Cosa significa, in pratica? Che, una persona che pesa 50 chilogrammi e dorme consecutivamente per 7 ore, arriva a “bruciare” 294 calorie. L’equivalente di un cappuccino con brioche o di 15 minuti di jogging. Tra sonno, salute e forma fisica, inutile negarlo, c’è un rapporto molto importante.

Quante calorie bruciamo mentre riposiamo?

Tutto dipende da…

Dunque, il corpo “lavora” anche durante il sonno. Naturalmente a ritmi che gli consentano un adeguato recupero ma, in pratica, non si ferma mai! Ogni corpo ha caratteristiche proprie e, di conseguenza, non è corretto generalizzare. Ovviamente peso e temperatura corporei e numero di ore di sonno giocano un ruolo fondamentale per scoprire quale sia il proprio consumo effettivo di calorie al momento del riposo. Altro fattore rilevante è, poi, il sesso: le donne, avendo meno massa muscolare rispetto agli uomini, sono fisiologicamente destinate a consumare di meno. Infine, con lo scorrere del tempo e il metabolismo che tira il freno a mano, anche il fattore età non può essere trascurato.

Dimagrire durante il sonno: è possibile?

Non esageriamo! Riposare “bene” non rende tutti più magri e tonici. È una componente importante, questo è vero, ma non la sola. Si può intervenire in qualche modo per aiutare l’organismo a consumare un po’ di più proprio durante il sonno? Certo, genetica a parte, si può dire che esistono alcuni accorgimenti per stimolare l’aumento del consumo calorico “notturno”. Prima di tutto, basta abbassare la temperatura ambientale: il corpo, che necessiterà di scaldarsi, produrrà energia e, di conseguenza, “brucerà” di più. Poi, introdurre un consumo adeguato di proteine che, richiedendo molto tempo per essere digerite, portano l’organismo ad eseguire un lavoro più intenso. Il tutto, ovviamente, sempre ricordando che tra la fine del pasto e il momento di mettersi a letto, deve trascorrere almeno un’ora.

Perché accade?

Perché proprio durante un momento di riposo, l’organismo consuma calorie? Semplice. Lavora per rigenerare i muscoli e le articolazioni, in particolare durante gli stadi 3 e 4 del sonno, mentre durante la fase REM il cervello fissa la memoria, elaborando le informazioni utili accumulate durante il giorno e scartando quelle inutili. Lavoro che comporta il consumo di una certa quantità di glucosio, con aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna.

___
Lauretta Belardelli

Iscriviti alla Newsletter di Snoozing Magazine

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal nostro Magazine

Forme geometriche

Forme geometriche

È comunemente noto che alcuni colori riescono a trasmettere determinate emozioni e sensazioni: il blu trasmette calma, il giallo l’allegria, il rosso la forza, il viola la spiritualità e via dicendo. In psicologia, però, anche le forme rappresentano un mezzo di comunicazione che provoca stimoli diversi e dunque possono influire anche sul sonno.

Copy link
Powered by Social Snap