Tutto quello che devi sapere sul sonno

Le notti senza sonno di Gian Andrea Cerone

24 giugno 2022

Le notti senza sonno è il romanzo d’esordio di Gian Andrea Cerone, ambientato a Milano nel febbraio del 2020, quando il Covid era ancora uno spettro confuso che si profilava all’orizzonte come una nuvola minacciosa. È un thriller ricco di suspence e dal ritmo incalzante, che, attraverso le indagini dell’Unità Analisi Crimine Violento, trascina il lettore nei meandri di un noir dalle tinte fosche e mostra al lettore l’impietoso volto della malvagità umana.

Le notti senza sonno di Gian Andrea Cerone

24 giugno 2022

TUTTO SUL SONNO

Le notti senza sonno è il romanzo d’esordio di Gian Andrea Cerone, ambientato a Milano nel febbraio del 2020, quando il Covid era ancora uno spettro confuso che si profilava all’orizzonte come una nuvola minacciosa. È un thriller ricco di suspence e dal ritmo incalzante, che, attraverso le indagini dell’Unità Analisi Crimine Violento, trascina il lettore nei meandri di un noir dalle tinte fosche e mostra al lettore l’impietoso volto della malvagità umana.

Due omicidi efferati alle soglie della pandemia

21 febbraio 2020. La spensierata routine di lavoro di tre netturbini viene turbata da un macabro ritrovamento: il cadavere di una donna orribilmente martoriato, a cui sono stati asportati i bulbi oculari e una mano. Sempre nello stesso giorno, due killer entrano nella casa di un noto gioielliere, lo uccidono e, successivamente, svuotano il caveau della gioielleria. 

C’è un solo reparto della polizia in grado di risolvere due casi tanto complessi: l’Unità Analisi Crimine Violento. A dirigere le indagini sarà il commissario Mandelli, militare di grande esperienza, serio e tutto d’un pezzo, devoto alla moglie Marisa. Ad aiutarlo, l’ispettore Casalegno. Che, al contrario del commissario, è un donnaiolo dall’indole impulsiva. 

I due investigatori non hanno molto tempo per trovare gli assassini che hanno compiuto i due delitti: la pandemia da Covid-19 si profila all’orizzonte e c’è il rischio che le indagini vengano bloccate da un momento all’altro.

Le notti senza sonno di Gian Andrea Cerone

Otto giornate intense e ricche di tensione 

Otto giorni. È questo il tempo che impiegano gli investigatori per risolvere i due crimini. 
Otto giorni senza sonno, senza sosta, in cui si lavora alacremente per trovare un serial killer che circuisce le donne, le imprigiona e le uccide barbaramente, mutilandole. 
Otto giorni per fermare una banda di ladri internazionale, che ha lasciato dietro di sé una scia di vittime. 

Un thriller dal ritmo incalzante, un romanzo d’esordio che lascia ben sperare 

Ambientato in una Milano che, alla fine risulta la vera protagonista, il romanzo di Gian Andrea Cerone, dopo i primi capitoli, assume un ritmo incalzante, con la tensione che sale pagina dopo pagina. 
Se, dal punto di vista narrativo, Le notti senza sonno si dimostra debitore ai grandi pilastri del genere, ciò che lo rende diverso e ne caratterizza la cifra stilistica sono i dialoghi brillanti e le descrizioni tridimensionali, quasi cinematografiche dei personaggi e dei luoghi.  Questo, unito agli inevitabili colpi di scena, permette al lettore di mantenere alta l’attenzione, pagina dopo pagina, fino alla soluzione degli intricati misteri in cui si trovano invischiati il commissario Mandelli e i suoi collaboratori. Crimini talmente efferati e conditi da una malvagità raccapricciante che, uniti alla necessità di chiudere velocemente le indagini, tolgono loro il sonno. 

L’autore: Gian Andrea Cerone 

Gian Andrea Cerone è uno scrittore di origini savonesi, milanese d’adozione. Vanta una lunga esperienza nell’ambito della comunicazione e dell’editoria tradizionale, televisiva e digitale. È stato responsabile delle relazioni istituzionali presso il ministero dello Sviluppo Economico e presso EXPO 2015. Nel 2018 ha fondato la piattaforma editoriale di podcast Storielibere. Le notti senza sonno, pubblicato da Guanda nel 2022 è il suo romanzo d’esordio.

Iscriviti alla Newsletter di Snoozing Magazine

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal nostro Magazine

Forme geometriche

Forme geometriche

È comunemente noto che alcuni colori riescono a trasmettere determinate emozioni e sensazioni: il blu trasmette calma, il giallo l’allegria, il rosso la forza, il viola la spiritualità e via dicendo. In psicologia, però, anche le forme rappresentano un mezzo di comunicazione che provoca stimoli diversi e dunque possono influire anche sul sonno.

Perché ci sembra di sognare tutta la notte se la fase REM dura poco?

Perché ci sembra di sognare tutta la notte se la fase REM dura poco?

Il sonno è un elemento fondamentale per il nostro benessere. Si stima che trascorriamo circa un terzo della nostra vita dormendo e, mentre dormiamo, il nostro organismo si occupa di far riposare il nostro corpo, eliminare le tossine e rafforzare le funzioni cognitive. Un’altra cosa che facciamo mentre dormiamo è sognare. Ma quando avvengono i sogni? È vero che sogniamo solo nella fase REM?

Copy link
Powered by Social Snap